Pet Hair Remover
Mario Seruis 2

FMI: CONCLUSO IL CAMPIONATO SARDO MX 2015

Mx – In seguito all’annullamento della gara finale, prevista per l’otto dicembre scorso, gli appassionati del versante Fmi hanno salutato in anticipo la fine del “Campionato Sardo Mx 2015”, così come in anticipo hanno festeggiato i piloti titolati, che hanno potuto archiviare i successi della stagione appena trascorsa e approfittare delle festività per riposare in previsione dei duri allenamenti che accompagneranno la preparazione, sia fisica che mentale, in previsione del campionato 2016.

 

Parlare di quanto impegno sia stato necessario, soprattutto da un punto di vista tecnico-organizzativo,  perché tutto procedesse come pianificato, forse sarebbe scontato; in fondo la Fmi da anni dimostra di saper mettere in campo un apparato amministrativo all’avanguardia,  sempre pronto a pianificare tutto in ogni minimo dettaglio, specialmente quando si parla di sicurezza, sia che si tratti di quella dei partecipanti alle competizioni, sia che riguardi quella di un pubblico sempre numeroso e partecipe. Tuttavia noi di Sardegna Motor News non diamo mai nulla per scontato e ci congratuliamo, anzi, ringraziamo la Federazione per il contributo sempre maggiore che ormai da anni fornisce a tutto il mondo del cross regionale. Che professionalità e amore per questo sport possano far rivolgere sempre più attenzione nei riguardi del settore motociclistico isolano; attenzione che merita di diritto.

Ovviamente tutto ciò sarebbe stato inutile, se fosse mancato l’elemento fondamentale, ovvero la voglia di buttarsi nella mischia e vincere che ogni centauro porta con se ogni qual volta  la visiera sia abbassa e la gara ha inizio. E quest’anno in tanti hanno tentato il tutto per tutto per portare a casa il titolo di campione regionale.

Tra i giovani centauri del vivaio della Federazione anche quest’anno è stato Emiliano Derisi ad avere la meglio sugli avversari. Derisi si è riconfermato campione della Mini 65, dopo essere arrivato primo durante la quasi totalità delle gare corse, ottenendo un risultato eccellente. Il secondo classificato è stato invece un formidabile Alessandro Gala, che purtroppo non è riuscito ad indossare la corona di campione vista la straordinaria performance stagionale dell’avversario principale. Per Michele Nicolai è poi arrivato il momento di reclamare un meritatissimo terzo posto, risultato dovuto alle sue ottime capacità di pilota, che gli hanno permesso di unirsi al trio vincente distaccando significativamente gli altri rivali.

Diplomatosi campione della Mini 80 con una gara d’anticipo, Mirko Marongiu durante questo campionato ha dimostrato di essere un alieno, sceso sul nostro pianeta per saltare da una duna all’altra e tagliare traguardi prima di qualsiasi altro avversario. Il ragazzo ha un futuro assicurato e non vediamo l’ora di rivederlo in azione l’anno prossimo. Quando davanti hai uno come Marongiu c’è poco da fare, eppure Michael Lecis non ha mai dato segno di volersi arrendere, rappresentando una vera e propria spina nel fianco per il rivale del MCM Gonnesa. Gara dopo gara Lecis non si è mai dato per vinto conquistando l’argento e imponendosi pesantemente sugli altri piloti. Anche Lorenzo Giagoni è riuscito a conquistare la vetta della classe, unendosi ai colleghi titolati e ai festeggiamenti per il risultato positivo ottenuto.

Per quanto riguardo i Licenziati Amatoriali, l’alloro è finito sulla testa di Giovanni Nicolai, tra i pochi piloti della sua classe a correre sempre insieme ai protagonisti del gruppo A. Nicolai porta così a casa vittoria finale e questo suo record personale in un colpo solo. Sul podio ha imposto la sua presenza anche Roberto Dassu. Secondo classificato, Dassu è stato certamente penalizzato da qualche assenza di troppo, ma è comunque riuscito a concretizzare la sua partecipazione al campionato. L’ultimo pilota amatoriale a conquistare la parte alta della classifica è stato Paolo Marras, il quale è stato in grado di combinare abilmente buone prestazioni e naturale vantaggio dovuto alle assenze degli altri compagni di classe.

Nella 125 Junior , Massimiliano Locci quest’anno è riuscito ad incidere il suo nome sulla targa di campione. Sebbene già durante la stagione scorsa, con il suo secondo posto avesse dimostrato di che pasta fosse fatto, questa volta Locci ha letteralmente portato avanti una fuga in solitaria che lo ha visto mantenere il comando della classifica nonostante l’assenza nelle ultime due gare. Alessandro Pirisi si è invece dimostrato capace di grandi prestazioni, che nonostante la straordinaria stagione vissuta dall’avversario, gli hanno permesso di chiudere in bellezza l’avventura iniziata il quindici febbraio. Il terzo nome a comparire sulla lista dei vincitori è stato quello di Antonio Mandras, pilota dalle grandi potenzialità, che soprattutto in finale di campionato a dato mostra delle ottime doti di pilota che lo contraddistinguono.

Per tuta la durata della competizione, la classe riservata ai veterani di questo sport,  è stata riserva personale del trio Asole del team Santa Teresa Gallura e il podio finale ne è la conferma.  Giovanni ne ha occupato il gradino più alto, conquistato con quasi settecento punti in più rispetto al secondo classificato, Francesco, che ha seguito a ruota il compagno finendo alle sue spalle e lasciandosi dietro un enorme margine di distacco. A completare il quadretto di famiglia ci ha poi pensato Giuseppe, avanti di quasi trecento punti sulla quarta posizione.

Il campionato 2015 ne aveva già evidenziato le potenzialità, ma è stato quello appena trascorso a consacrarne il talento; così Claudio Massa ha messo le mani sul titolo Mx1, mostrando a tutti quanto il processo di maturazione sportiva lo abbia portato in alto. Massa ha potuto festeggiare non solo il primo titolo importante, ma anche gli enormi passi avanti fatti durante la stagione. Quella del pilota di Gonnesa non è stata però una vittoria semplice. Gabriele Sanna infatti ha fatto il possibile per ostacolarlo, dando vita ad un entusiasmante testa a testa che ha infiammato gli animi dei tifosi. L’ex campione della 125 Junior  non è però riuscito nell’impresa anche a causa della sfortuna che ha segnato le ultime gare, dovendosi accontentare di un secondo posto che profuma comunque di vittoria. Sebbene abbia seguito il duello un po’ in disparte, Nicola Atzori ha messo in campo tutta la sua forza per ottenere prova dopo prova il punteggio necessario a rimanere in corsa per la vittoria, ottenendo così un ottimo terzo posto,  non lasciando scampo a nessun altro pilota.

Alberto Spano si è confermato campione Mx2 per la seconda volta consecutiva,  dimostrando di non aver commesso un errore decidendo di tornare in pista dopo l’avventura dell’enduro. Ancora una volta Spano ha potuto provare la gioia di dominare sull’intera competizione, nonostante in dirittura d’arrivo fosse sembrato che compiere quest’impresa non sarebbe stata una passeggiata. Infatti l’ex bronzo 2015 dell’Mx1 Mauro Sotgiu non ha di certo accompagnato Spano verso la coppa di campione, impersonando alla perfezione il ruolo di rivale numero uno e andando persino vicino al sorpasso finale. Lo sprint di Sotgiu però non è bastato e il pilota si è dovuto fermare in seconda posizione, pronto a ridare il massimo durante il prossimo campionato. L’ultimissimo eroe di questa stagione è stato infine Marco Barria, terzo classificato che nonostante si trovasse a pari punti con Patrick Porcu è riuscito ad imporsi sull’avversario.

Scritto da Riccardo Besia

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Condividi questo articolo

Contatti

 

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mercato auto in Sardegna

Come nel resto d’Italia, anche in Sardegna il primo trimestre dell’anno registra un aumento delle immatricolazioni in controtendenza allo stesso periodo del 2013. Come dichiarato dall’Unrae questo potrebbe essere sufficiente a creare dell’ottimismo superficiale.
Anche nel mese di febbraio 2014 prosegue in positivo il dato delle immatricolazioni auto in Sardegna. Nel secondo mese di quest'anno si registrano 273 immatricolazioni di auto nuove in più rispetto a febbraio 2013, con un totale di 1,815 immatricolazioni contro le 1.542 dell'anno precedente.
Chi ben comincia è ha metà dell'opera. Così cittava un vecchio detto che calza a pennello con i dati relativi alle immatricolazioni auto in Sardegna di gennaio 2014. Infatti, chiude bene il primo mese di quest'anno con più 356 auto nuove rispetto a gennaio 2013, con un totale di 2.058 immatricolazioni contro le 1.702 dell'anno precedente.