Pet Hair Remover
Mario Seruis 2

OCCHIO ALLE POLIZZE RC AUTO IN OMAGGIO!!!

Questo regalo è finito nel mirino dell’Ivass (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni),grazie alle segnalazioni delle associazioni dei consumatori. Al termine dell'offerta, gli automobilisti perdono la classe di merito (garantita dalla legge Bersani) e, in caso di incidente, rischiano di pagare di tasca propria perché sulla polizza c'è la franchigia.

 

  • IMG_2306
  • IMG_2307
  • IMG_2308

Simple Image Gallery Extended

Sembra proprio sia il caso di approfondire questo strano discorso… polizze RC Auto offerte in omaggio a chi compra un'auto nuova…mah…! Certo, in un mondo in cui tutti vogliono guadagnarci bene, questo “omaggio” fa pensare.  Così l'Ivass ha iniziato a sospettare e ci ha messo il naso..lo ha fatto dichiarando di "aver acceso un faro sulla pratica seguita da diverse case automobilistiche, grazie anche alle segnalazioni delle associazioni dei consumatori". In questo modo, oltre a mettere in guardia gli assicurati da un "regalo” che può danneggiare con il tempo,l’Ivass ha spiegato i meccanismi dell'offerta e ha stilato un vademecum di consigli per capire come muoversi prima di “abboccare” nell’accettare contratti di questo tipo.

In realtà crediamo sia giusto andare subito al nodo della questione, per capire dove sorge il problema…a inganno scoperto. Secondo l'Autorità, i problemi possono nascere al termine del periodo promozionale: i punti critici riguardano la classe di merito e gli eventuali vantaggi garantiti dalla legge Bersani. "A causa delle modalità con cui le polizze vengono offerte (contratto a "libro matricola", non intestato al singolo assicurato) e delle loro caratteristiche (formula con franchigia anziché la tradizionale bonus-malus), gli assicurati possono perdere i benefici della classe di merito acquisita prima dell’offerta". In pratica, chi ha accettato la polizza gratuita "si vede interrotta la storia assicurativa pregressa: una volta terminato il periodo promozionale, se si vuole tornare ad una tariffa bonus-malus, il contratto viene inserito nuovamente in classe di ingresso (14 o addirittura 18)".

Non finisce qui…Per le stesse ragioni, l'Ivass rileva che titolare e familiari "rischiano di perdere i benefici" riconosciuti dal decreto Bersani, il quale permette a un neopatentato di ereditare la classe di merito di un familiare nel momento in cui acquista un'automobile e stipula il suo primo contratto da proprietario. "Al termine del periodo di copertura gratuita  ha sottolineato l'Istituto  la persona interessata sta assicurando per la seconda volta una macchina già di sua proprietà e quindi perde l’agevolazione". Stando all'Autorità, anche in questo caso il sottoscrittore si ritrova poi ad affrontare "premi molto più elevati rispetto a quelli che avrebbe pagato se si fosse assicurato per conto proprio". Anche il presidente di KonsumerFabrizio Premuti, si è espresso duramente contro questa “offerta”: “al termine della promozione si rischia di dover ripartire dalla classe di merito più alta, perché il proprietario vero, cioè quello che guida, non ha la polizza intestata a lui, ma sta circolando con un brogliaccio dove sono riportate tante targhe”.

Per questa serie di motivi l’Ivass ha deciso di fare luce sulla questione, perché crede che i consumatori non siano al corrente dei risvolti appena raccontati e sul proprio sito ha pubblicato una serie di consigli per gli automobilisti. A tal proposito, prima di sottoscrivere un'offerta, l'Autorità raccomanda di seguire queste indicazioni:

Chiedere se la polizza sarà intestata al sottoscrittore e se è previsto il rilascio di un attestato di rischio a suo nome alla scadenza del periodo di gratuità. Se la polizza è a "libro matricola" (cioènon intestata al singolo, ma relativa ad un parco di veicoli) si può andare incontro alla perdita della classe di merito;

Rivolgersi ad un intermediario di fiducia per un eventuale confronto e valutare attentamente gli effetti sulla classe di merito acquisita prima dell’accettazione della copertura assicurativa gratuita;

Chiedere di sapere se la polizza è bonus-malus o con formula a franchigia e leggere attentamente le condizioni di polizza della garanzia offerta. Se ci sono franchigie, si può andare incontro allaperdita della classe di merito, inoltre una parte dell’eventuale sinistro è a proprio carico.

Se invece avete già sottoscritto la polizza senza essere stati adeguatamente informati sulla copertura offerta, l'Ivass ha spiegato che è possibile presentare un "reclamo" all'assicurazione. Nel frattempo,entro il 15 aprile le imprese di assicurazione e gli operatori che stanno praticando l’offerta di polizze gratuite dovranno inviare all’Authority i dettagli della promozione. Probabilmente dovremo tornare sull’argomento. 

Scritto da Francesco Parente

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Condividi questo articolo

Contatti

 

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mercato auto in Sardegna

Come nel resto d’Italia, anche in Sardegna il primo trimestre dell’anno registra un aumento delle immatricolazioni in controtendenza allo stesso periodo del 2013. Come dichiarato dall’Unrae questo potrebbe essere sufficiente a creare dell’ottimismo superficiale.
Anche nel mese di febbraio 2014 prosegue in positivo il dato delle immatricolazioni auto in Sardegna. Nel secondo mese di quest'anno si registrano 273 immatricolazioni di auto nuove in più rispetto a febbraio 2013, con un totale di 1,815 immatricolazioni contro le 1.542 dell'anno precedente.
Chi ben comincia è ha metà dell'opera. Così cittava un vecchio detto che calza a pennello con i dati relativi alle immatricolazioni auto in Sardegna di gennaio 2014. Infatti, chiude bene il primo mese di quest'anno con più 356 auto nuove rispetto a gennaio 2013, con un totale di 2.058 immatricolazioni contro le 1.702 dell'anno precedente.